giovedì 2 luglio 2015

Effetti del Fluoro

Industrie farmaceutiche e produttrici di dentifrici hanno a lungo omesso gli effetti tossici dei prodotti a base di fluoro Fluoro, cloro, bromo e iodio sono quattro metalloidi che, legandosi facilmente con altri metalli danno luogo a differenti sali e, combinandosi con l'idrogeno, generano acidi forti, come l'acido fluoridrico, l'acido cloridrico e l'acido muriatico.
 
Questi metalloidi vengono chiamati alogeni (dal greco halos = mare, sale), per la loro capacità di generare sali.
 
Ma soffermiamoci sul fluoro poi capirete bene il perché !
 
 Il fluoro è uno degli alogeni più elettronegativi, reagisce perciò facilmente con la maggior parte degli elementi; è un gas biatomico tossico, corrosivo e di odore penetrante. Si trova in natura nei minerali fluorite, criolite e apatite; inoltre, sotto forma di fluoruri, si trova nelle acque, negli organismi vegetali, e nello scheletro e nei denti degli animali. E' alla base di gas nervini come il Soman ed il Sarin. Ciò che va sottolineato è che i fluoruri sono corrosivi veleni che produrranno seri effetti sulla salute dell'uomo a lungo termine.
 
Dal 1945, quando venne testata l'addizione di fluoro nelle acque potabili di Newburgh (stato di New York, USA), si è a poco a poco diffusa questa pratica il cui scopo dichiarato è quello di prevenzione delle carie nella popolazione. Oggi è messa in pratica in numerosi Paesi, tra cui USA, Australia ed alcune zone in Gran Bretagna. Ma cerchiamo di far chiarezza in merito ! Il beneficio della fluoroprofilassi, per meglio dire l'utilizzo di dentifrici a base di fluoruri (specialmente fluoruro di sodio, monofluorofosfato di sodio o fluoruro stannoso) o nel caso dei bambini nell'assunzione di fluoro via tavolette o gocce, derivano essenzialmente nella costituzione di uno smalto più resistente agli attacchi acidi demineralizzanti. Ma la differenza tra uso locale, come nel caso dei dentifrici (a condizione che non vengano ingeriti !), ed uso sistemico, come nel caso delle tavolette o dell'acqua "fluorizzata" non sono affatto da sottovalutare.
 
Assorbito per bocca, il fluoro entra nel dente attraverso il sangue e altera la struttura del dente stesso. Questo eccessivo assorbimento di fluoro è la causa della fluorosi, la quale si manifesta con denti screziati, decolorati, macchiati fino a significative erosioni dello smalto stesso. Ma non è tutto ! Il fluoruro ha effetti deleteri sul sistema nervoso centrale, è causa di alterazioni comportamentali e deficit cognitivi.
 
C'è buona evidenza (scientifica) che il fluoruro è un neurotossico dello sviluppo, ad indicare che ha effetti sul sistema nervoso del feto in sviluppo a dosi che non sono tossiche invece per la madre. Siffatta neurotossicità si manifesterà come ridotto quoziente intellettivo ed alterazioni comportamentali.
 
Sulla base di recenti studi epidemiologici la fluorizzazione dell'acqua è correlata all'aumento delle fratture all'anca in persone ultrasessantenni. Dosi molto alte possono causare la fluorosi scheletrica (indurimento anormale delle ossa) che è associata a dolori artritici, debolezza, rigidità delle articolazioni, danno al sistema nervoso e paralisi ed inoltre alte dosi sono causa di pirosi e dolore ai piedi e alle caviglie.
Il calcio è un rimedio in caso di intossicazione da fluoro. Inoltre, si è notato che alcuni adulti sono ipersensibili anche a ridotte quantità di fluoruro, inclusa quella contenuta nell'acqua fluorizzata. L'impatto del fluoruro sulla riproduzione umana alle dosi ricevute dalla sola esposizione ambientale è fonte di preoccupazione sulla salute; sembrerebbe, infatti, che esista una correlazione tra la diminuzione della fertilità negli esseri umani ed aumento di fluoruri nell'acqua da bere.
 Il fluoruro è carcinogeno, specialmente per tessuti quali ossa (osteosarcoma) e fegato. Il potenziale carcinogenetico è comprovato dalla geno-tossicità e della proprietà farmacocinetiche del fluoruro. Il fluoro ha, inoltre, la capacità di inibire o alterare numerosi enzimi necessari al normale funzionamento del nostro organismo: metabolismo, crescita e regolazione cellulare. Il suo accumulo nella tiroide è causa di squilibri ormonali.
 
È associato a malattie autoimmuni oltre all'osteoporosi, l'osteosarcoma e perfino un aumento del cancro alla tiroide. Da quanto detto si evince che i rischi di sovraesposizione al fluoruro superano di gran lunga ogni attuale beneficio della fluorizzazione dell'acqua. Definire il quantitativo di fluoruri assunti attraverso cibi e bevande, o la semplice esposizione ambientale non è semplice, ma due aspetti sono importanti: l'aumento della presenza di composti tossici del fluoro sulla crosta terrestre quali residui di numerosi processi industriali ed il fatto che il fluoro viene immagazzinato nel tessuto osseo nel corso dell'intera vita di ciascun individuo ! I prodotti chimici utilizzati per la fluorizzazione dell'acqua non sono ad elevata purezza, come i prodotti farmaceutici di qualità, piuttosto sono sottoprodotti delle lavorazioni dell'alluminio e dei fertilizzanti perciò contenenti elevate concentrazioni di tossine e metalli pesanti quali arsenico, piombo e cromo. Tutti notoriamente carcinogenici. È palese la vastità degli interessi economici legati alla fluorizzazione: piuttosto che spendere denaro nel costoso smaltimento di rifiuti altamente tossici come i fluoruri, industrie quali le produttrici di fertilizzanti vengono pagate per fornirlo ai gestori delle acque delle aree in cui è praticata.
 Un efficiente riciclaggio direi a danno dei consumatori...Per di più, ad alcuni tra gli scienziati che si sono opposti presentando evidenti prove sperimentali non sono mancate le ritorsioni. Decisamente numerosi sono gli effetti negativi del fluoro sulla salute dell'uomo. Malgrado ciò, molti pediatri e dentisti suggeriscono ancora in modo automatico e sistematico la fluoroprofilassi (compressine o gocce) per i bambini di pochi mesi. Oltre al fluoro contenuto negli integratori per la profilassi dentale, i bambini possono assumere altro fluoro giornalmente attraverso altre forme quali dentifrici (che per il buon sapore, spesso ingeriscono), alimenti e bevande dell'industria alimentare, residui di pesticidi nel cibo, abuso di presidi dentistici, emissioni inquinanti nell'aria, farmaci, anestetici, ma anche tè e particolari acque minerali. I bambini possono realmente saturarsi di fluoro ed esporsi al rischio di fluorosi.
Le industrie del farmaco sono chiaramente abili nel manipolare ed influenzare gli studi scientifici. Inoltre, non c'è migliore guadagno di quello che si ricava da farmaci prescritti in modo sistematico ad intere fasce della popolazione. vedi le vaccinazioni, le terapie ormonali per la menopausa, solo per citarne alcune.
Le industrie del farmaco e quelle produttrici di dentifrici hanno a lungo omesso e sottovalutato gli effetti tossici dei prodotti a base di fluoro. È bene sapere che alogenare un farmaco con il fluoro significa renderlo decine di volte più potente !
Nell'intento di aumentare la biodisponibilità degli ingredienti e l'effetto sensibile dei rimedi, molti prodotti farmaceutici vengono alogenati e la lista dei farmaci al fluoro è aumentato in maniera esponenziale.
Il fatto è che, potenziando il rimedio, vengono però aggravati gli effetti collaterali. Lo sfortunato paziente diventa così cliente almeno due volte delle stesse industrie farmaceutiche. Prima con il trattamento della malattia originale poi col trattamento degli effetti Iatrogenici provocati dal suo stesso farmaco iniziale.
Attualmente il fluoro viene utilizzato per la realizzazione di diversi prodotti di seguito viene riportato un elenco ridotto !
Refrigeranti e propellenti, il risultato ? un bel buco nell'ozono e un'ulteriore inquinamento grazie al naturale riciclo delle piogge.
I Farmaci per incrementarne la biodisponibilità. Tranquillanti ed analgesici agenti anti-colinergici che agiscono sul sistema nervoso centrale causando depressioni cardiache e respiratorie (il Valium Diazepam è ritenuto tra i tranquillanti più coinvolti in vittime di incidenti stradali). Gli effetti ? consenso, letargia, apatia e... stupidità ed incoscienza da fluoro !
I gas chimici per uso bellico sono alogenati. I gas per l'ordine pubblico, i gas lacrimogeni sono alogenati ed ancora i mortali gas nervini come il Soman e il Sarin sviluppati in Germania sono entrambi fluorurati.
La morte immediata dovuta all'esposizione di questi gas è il risultato del blocco istantaneo della catalisi e dell'azione dei nervi, causando un effetto anti-colinergico (blocco enzimatico) e la conseguente cessazione delle funzioni del cuore e dei polmoni. In Italia per quanto riguarda le acque minerali non c'è ancora un limite fissato al contenuto in fluoro, ma acque che ne contengono oltre 1 mg/litro 'possono' riportare sull'etichetta l'indicazione "fluorata". Per le acque potabili il limite superiore da rispettare è quello raccomandato dall'OMS, 1,5 mg/litro.
Credo detto ciò sia eccessivo far notare che se pure non ci fossero tanti rischi in relazione alla fluoroprofilassi, pensare di veicolare, ad esempio, un medicamento attraverso l'acqua potabile, di cui ognuno peraltro utilizza quantitativi differenti, sarebbe comunque una pratica immorale !
 
 Fonte : www.informatori.it/informatori/index.htm
Continua a leggere l'articolo: Mednat

Nessun commento:

Posta un commento