giovedì 2 maggio 2013

Riflessi Alieni

Nonostante le decine di mail inviate a 'La Gazzetta del Mistero' e pubblicate nell'etichetta 'Esperienze', ancora non abbiamo una prova tangibile dell'esistenza di forme di vita intelligente extraterrestre. L'Universo, la nostra piccola galassia, le stelle più prossime al Sole con i loro sistemi planetari, sembrano essere disabitati. Probabilmente la vita non è rara e sarà facile trovarne traccia su alcuni pianeti, planetoidi e satelliti del nostro sistema solare. Ma, se parliamo di ricerca di intelligenze extraterrestri, il lavoro diventa complesso e la sensazione è che l'intelletto, la coscienza, non siano un bene così abbondante nel buio del cosmo. 

La vastità dell'Universo è l'unica fonte di certezza matematica dell'esistenza di altre civiltà. Gli alieni esistono soltanto nelle sottili e fredde regole della statistica. Nella realtà le cose si complicano.

Dobbiamo credere a chi ci dice di aver visto o parlato con un alieno? L'Uomo è stato creato da un entità superiore? Siamo figli di Dei venuti da un altro mondo? 

Queste domande mi sorgono spontanee tutte le volte che studio una mail dove mi si raccontano storie 'diversamente normali'. Alcuni di questi racconti mi fanno sentire inadeguato, chiuso mentalmente in rigidi schemi razionali che non mi permettono di capire gli eventi narrati. 

Se una civiltà estremamente superiore alla nostra appartenente ad un genere diverso dal nostro, più complesso, più dotato di capacità intellettive, come si comporterebbe di fronte all'essere umano?

Nel corso degli anni abbiamo cercato di dare risposte a questa domanda cercando di dare modelli interpretativi di carattere sociologico ad un eventuale incontro tra civiltà. Tutto sembra essere evanescente, una castello costruito sul niente. Stiamo scrivendo e studiando cose che non esistono. Matematicamente esistono, realmente l'alieno non esiste. 

Noi de 'La Gazzetta del Mistero' abbiamo capito che l'Alieno è un Bene di Consumo. Un bene di primaria importanza nella società moderna occidentale, dove lo stile di vita allontana dagli istinti, dall'uso dei sensi, dalla bestialità che insita nell'umano, dal contatto con le forze ancestrali della natura. 

L'Uomo ha estratto dalla potenza della natura i primi e veri Dei. Il Misticismo è straordinario e rende immortali. In una società dove il misticismo ha lasciato posto al concreto, al razionale, dove anche le religioni e le dottrine hanno regole scritte e dogmi da rispettare, dove tutto è matematica e statistica, in una società di questo tipo il bisogno umano di qualcosa di superbo e divino sfocerà nelle credenze più diverse e bizzarre.

L'Alieno va a sostituire gli Dei del ventesimo secolo che, ormai, sono obsolete figure non più adatte alla mente dell'uomo moderno. E' inaccettabile immaginarsi che Dio sia un vecchio con lunghi capelli bianchi, folta barba d'avorio, che indossa una tunica legata alla vita con un drappo....: questo mondo è dei giovani... Dio deve vestire Dolce e Gabbana e pettinarsi come Balotelli... 

E' per questo motivo che l'Uomo sta riadattando le figure delle divinità perdute con creature avanzate tecnologicamente, fresche, scattanti, evolute.... Alcune razze aliene, come i Nordici, sono sempre descritti come alti, belli, prestanti.... è necessario da parte del Dio soddisfare la propria creatura con uno stile impeccabile. 

Ragionando sulle teorie trattanti 'Gli Antichi Astronauti', in generale, ci accorgiamo che poggiano su argomenti traballanti che sono spiegabili in decine di modi più semplici. Sono affascinanti, soprattutto le prime volte che se ne sente parlare, poi, quando si approfondisce l'argomento attraverso letture di testi scritti da esperti geologi, storici, paleontologi, la Teoria dell'Antico Astronauta risulta quasi offensiva per il proprio intelletto.

Noi de 'La Gazzetta del Mistero' raccogliamo i vostri racconti, avvertendovi che siamo scettici, critici.... siamo rammaricati che la scienza non dia le risposte che, al contrario, l'irrazionalità e il misticismo umano ci danno quotidianamente. 


Simone Pagni










Nessun commento:

Posta un commento