venerdì 19 aprile 2013

Inquinamento Elettromagnetico In Sicilia

Elettrosmog e tumori, un binomio inscindibile. In Sicilia sono sempre più frequenti i sospetti d’inquinamento elettromagnetico collegato ad un progressivo aumento di casi di cancro. Canicattì, Cefalù, Barrafranca, sono solo alcuni Comuni dove, negli ultimi mesi, tanti, troppi residenti si sono ammalati gravemente senza sapere perché. Nel caso di Canicattì, un mese e mezzo fa sono state segnalate anomalie ad alcune apparecchiature elettroniche. Gli orologi di un gruppo di ragazzi che facevano jogging sarebbero andati in tilt. “Il primo a dare problemi è stato il mio, – ci ha raccontato Pietro Bennici, 21 anni, libero professionista impegnato nella lotta contro i tumori – i secondi si azzeravano e ripartivano da zero. Poi la stessa cosa è accaduta ai cronografi dei miei amici, fino a quando si sono spenti completamente”. A Canicattì, inoltre, è iniziato un censimento spontaneo da parte di alcuni cittadini. Otto persone su dieci avrebbero avuto un caso di tumore in famiglia. Fino ad ora sono state ascoltate le testimonianze di una quarantina di residenti. Nel mirino sono sempre i ripetitori di telefonia mobile, che, secondo i cittadini, sarebbero responsabili del diffondersi delle patologie. 

Giulio Giallombardo siciliainformazioni - Fonte

Nessun commento:

Posta un commento