lunedì 25 marzo 2013

Rapimento Alieno : La Zona del Terrore

Da una Mail di Michele.

Mi chiamo Michele e nel 2004 - 2005 ho fatto parte di una Associazione non governativa che da anni aiuta lo sviluppo delle realtà rurali ed il rafforzamento del settore ospedaliero dell'immensa regione dell'Uganda. 
Ho lavorato in una zona poco civilizzata nel quale il maggiore centro abitato conta cinquemila persone. 
La maggior parte degli abitanti è cattolica ma ancora resistono antiche ed affascinanti Religioni Tradizionali. 

La sera del 21 Giugno 2004 iniziò a cambiare la mia vita. 

Raggiunsi con alcuni medici una capanna facente parte un piccolissimo villaggio contadino. Il posto era sprovvisto di acqua corrente, fognature, cavi telefonici... Poche ore prima un giovane del posto ci aveva raggiunti perché la sorella stava per partorire. 

Trovammo l'intero villaggio davanti alla porta della capanna. Nessuno era entrato a dar conforto alla ragazza nonostante le sue urla ci fossero giunte agli orecchi un chilometro prima del nostro arrivo.

Quando entrai vidi la giovane sdraiata su una lamiera a terra ed era circondata da militari. Questi militari erano 'visi pallidi' quindi non del posto. Stavano facendo nascere il Bambino. Appena ci videro entrare, puntarono verso di noi i loro fucili mitragliatori. Alzammo tutti e tre le mani e non opponemmo resistenza alcuna. Uno dei militari si avvicinò a noi e ci iniettò, ad uno ad uno, un potente anestetico. 

La mattina seguente mi svegliai al nostro Quartier Generale con un gran mal di testa. I miei colleghi mi vennero immediatamente a cercare ed insieme commentammo l'accaduto: non sapevamo che fare, se denunciare il fatto o cos'altro...

Decidemmo di tornare in quel villaggio il giorno stesso. 

Arrivati al piccolo villaggio, i pochi abitanti che incontrammo in paese, e gli altri a lavoro nei campi, sembravano non sapere niente della visita dei militari nonostante che, inequivocabilmente, assistettero all'evento ed udirono gran parte di quello che accadde all'interno della capanna la sera prima.

Andammo, quindi, a trovare la ragazza ed il suo neonato: trovammo entrambi in ottima salute. Anche la ragazza non sapeva di che stessimo parlando e ci assicurò che ad aiutarla nel parto fu sua madre e due sue zie. 

A quel punto togliemmo il disturbo e la vicenda si chiuse rapidamente offuscata dalla mole di lavoro che ogni giorno gravava sulle nostre spalle.

Tornai a casa nell'Agosto del 2005.

A Dicembre 2006, quando ormai il fatto era divenuto soltanto uno dei tanti aneddoti che raccontavo agli amici, mentre stavo cenando con mia madre, mio padre, la mia fidanzata, mio fratello e consorte, un gruppo di militari irruppe nell'appartamento. Chiaramente fui scosso dal terrore. Alzai gli occhi ed non c'era più nessuno al tavolo: c'eravamo solo io ed i militari. 

Io urlai e cercai di fuggire, ma il mio corpo era completamente immobilizzato e dalla mia bocca, serrata, non poté uscire neanche un sibilo. 

Quando i Militari si avvicinarono mi accorsi che, in realtà, non erano affatto umani con mimetica bensì Umanoidi Verdastri dalla bocca larghissima e colante una bava densa e biancastra. 

Uno di questi si avvicinò a me e sentii un formicolio al collo e... mi trovai a mangiare con la mia famiglia. 

Sembrò che non fosse accaduto niente. Un Battito di ciglia... neanche. 

Non raccontai niente a nessuno. Il mio mestiere impone sobrietà.

Nel Ottobre 2008 e nel gennaio 2010 accaddero fatti analoghi ma ho il sospetto che questi 'Interventi' alieni si siano ripetuti più volte soltanto che io ne ho percepiti pochissimi. 

Questo è tutto. 

Quando arrivano questi alieni creano una sorta di sipario che ti separa dal resto della realtà, formando una zona senza tempo ed in uno spazio diverso dove loro possono intervenire indisturbati. 

Il mio dubbio è che i primi militari fossero realmente umani e non so se questo primo avvenimento sia legato con i successivi. 

Adesso sono passati 3 anni dall'ultima adduzione che ricordi. 


 


1 commento:

  1. Hai mai letto i lavori del prof. Malanga? Vi si possono trovare molte risposte.

    RispondiElimina