lunedì 18 marzo 2013

Il Pianeta X è Vicino (?)

Dopo aver letto alcuni articoli nel web, mi sono reso conto di quanto la maggior parte di chi scrive su temi riguardanti l'astronomia non capisca niente di questa materia.
Per questo, visto che chi vi scrive manca completamente di Modestia (!), ho deciso di descrivervi la situazione astronomica del nostro sistema solare e della possibilità concreta che esista un antica compagna del Sole: Nemesis, la stella mancata.

Come tutti sapranno, il nostro sistema solare è composto da un Astro Principale, chiamato Sole, da otto pianeti principali (Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno), almeno cinque planetoidi (Cerere, Haumea, Plutone, Makemake, Eris), una fascia di asteroidi principale e la famigerata Nube di Oort.

La Nube di Oort è la materia rimante della grande nube che avvolgeva il Sole quando era ancora una protostella. Quest'area sferica sita a tra 0,3 e gli 1,5 A.L. di distanza dal Sole è buia ed inosservabile dai telescopi attualmente in uso. Qui, in questa zona, potrebbero esistere molti corpi celesti tra i quali pianeti, planetoidi, asteroidi di varia massa, comete e Nane Brune.

La vita in questo settore del sistema solare è presumibilmente inesistente vista la distanza dal Sole e le temperature rigidissime... Ma, come tutti sappiamo, la natura potrebbe sorprenderci smentendo questa affermazione.  

Le Stelle Osservate fino ad oggi, dalle più prossime alle più remote, confermano il fatto che le stelle solitarie, cioè quelle che non formano un sistema stellare, sono veramente rare e spesso si tratta di piccole nane rosse di massa relativamente bassa.

Visto che per una Stella simile al Sole, con la sua medesima sequenza principale, è raro essere solitarie nella galassia, è presumibile l'esistenza di una Compagna del Sole, una compagna Nana Bruna. 

Una Nana Bruna  è un pianeta con almeno 70 masse gioviane, una Stella Mancata. Questo tipo di corpo celeste potrebbe avere un ellittica molto ampia e sfuggire all'osservazione dei più progrediti radiotelescopi.

Una Nana Bruna orbitante attorno al Sole potrebbe avere cicli di centinaia di migliaia di anni, quindi potrebbe essere visibile dalla Terra una Volta ogni migliaia di anni.

Il Passaggio di questo corpo celeste attraverso la Nube di Oort potrebbe provocare dissesti negli stormi cometari presenti all'interno e creare una caduta verso l'interno del sistema solare di oggetti veramente letali.

Alcuni scienziati, astrofisici di fama internazionale, teorizzano che Nemesis, la compagna Bruna del Sole, sia la causa delle maggiori estinzioni di massa sul nostro pianeta. Infatti ad ogni passaggio di Nemesis (Pianeta X) dalla Nube di Oort, uno sciame meteorico o cometario si abbatterebbe sui pianeti interni (in parte protetti dalla mega attrazione gravitazionale di Giove). 

Il problema è che nessuno può ancora confermare l'esistenza di tale pianeta ed è per questo che l'argomento fa proliferare una serie di credenze suggestive legati a profezie o a speculazioni archeologiche. E' per questo che il Pianeta X, nel corso degli ultimi anni, è divenuto, nell'immaginario collettivo, la Casa degli Annunaki, gli antichi Dei Sumeri. In molti attendono il passaggio di questo immenso pianeta 'nei pressi della Terra' credendo che la vicinanza tra i due mondi consentirà agli alieni che lo abitano di sbarcare sul nostro pianeta... Tutto è possibile, ma non credo che Nemesis possa avere un periodo di transito tra i pianeti interni altrimenti, con molta probabilità, questi sarebbero stati vittime di turbolenze gravitazionali che l'avrebbero fatti migrare fuori dal nostro sistema planetario. 

                                                                                                                                                Leonardo L.

Il Pianeta X esiste? E' la causa delle tempeste meteoriche e cometarie che hanno causato estinzioni di massa sul nostro Pianeta? A volte, quando la scienza tace, è necessario cedere al misticismo? 

Nessun commento:

Posta un commento