mercoledì 30 gennaio 2013

Siero dell'Immortalità: Complotto Contro la Vita

Shin Kubota è uno scenziato Giapponese che da 15 anni studia la Turritopsis nutricula, una medusa originaria della zona caraibica ma che si può trovare in tutti gli oceani con notevoli difficoltà di riconoscimento morfologico.  Questa medusa è detta 'Immortale' perché è in grado di tornare ad una fase colonica  sessualmente immatura, dopo aver raggiunto la fase di maturità sessuale come individuo solitario attraverso il ciclo di transdifferenzazione
Kubota sostiene di aver scoperto il segreto dell'immortalità di questa medusa che sarebbe celato nelle cellule dei tentacoli.  Cellule che esisterebbero dormienti anche nel corpo umano.
Questo ha portato la comunità scientifica a pronosticare che la Cura contro l'Invecchiamento si potrà ottenere entro i prossimi venti anni. 

Adesso pensate di essere miliardari, possidenti parte del mercato mondiale, e leggere questo articolo. Non vi verrebbe da sorridere? 

Chi ha grosse quantità di denaro e potere potrebbe già aver acquisito il siero dell'immortalità. Kubota potrebbe essere un problema per una ristretta cerchia di persone che vuole solo per se questa dote bramata, anche per un solo istante, da ogni essere umano. 

Pensate se domani, grazie agli studi di Kubota, uscisse un trattamento mirato ad abbattere ogni forma di decadimento fisico: vi immaginate la ressa ingestibile che ci sarebbe tra la popolazione per l'accaparramento di tali farmaci? (basta pensare alle resse per un nuovo modello di maledettissimo telefono mobile).
E' chiaro che una scoperta del genere dovrebbe essere celata alle masse per non far cadere il mondo nell'anarchia. 

Il 'Vaccino contro la morte' ci renderebbe immortali. La riproduzione è un istinto innato dell'uomo che ci permette di tramandare i nostri geni fino alla fine dei tempi. I Geni si trasmettono da padre a figlio modificandosi, evolvendosi. L'Immortalità sarebbe la fine evolutiva dell'uomo, che diverrebbe uno sterile gingillo padrone di una Terra sulla quale nessuno più vuol lavorare, fare arte o sognare. 

Se è vero che dentro di noi esistono le stesse cellule che possiede la Turritopsis Nutricula, è probabile che i 'Testimoni di Geova' abbiano ragione su alcuni argomenti teologici. Infatti, questo gruppo sempre più nutrito di cristiani, da un'interpretazione della Bibbia letterale. Prendono la Bibbia come un Libro Sacro e per questo tutto ciò che vi è riportato non è interpretabile ma rappresenta, senza allegorie o metafore, la realtà delle cose accadute e che dovranno avvenire. 
Secondo il pensiero dei Testimoni di Geova il corpo umano sarebbe l'anima concessa da Geova ed il mondo sarebbe l'unico Paradiso. Lasciando perdere importanti particolari, saltiamo al punto che ci interessa: l'uomo era stato concepito per essere immortale. Successivamente per la sete di conoscenza dimostrata e la mancanza di obbedienza verso il Dio Supremo, alla razza umana fu tolta l'Immortalità. 
Geova potrebbe aver sopito quel gene che ci potrebbe nuovamente permettere di non invecchiare e morire per cause associate?
Nel caso qualcuno arrivi ad ottenere la vita eterna per mezzo della conoscenza negata da Geova, non vi pare che ci sia il rischio di un'arrabbiatura, anche forte, da parte del Dio?

Probabilmente il vaccino contro la morte esiste già ed è stato usato da qualche mega miliardario (insomma, dai soliti noti). Questo piccolo gruppo di persone sta già preparando il mondo eterno del loro futuro. La prima cosa che faranno sarà Uccidere almeno il 90% degli abitanti sulla Terra. La seconda cosa che faranno sarà schiavizzare il 10% rimanente grazie all'esercito. 

E' notizia di pochi mesi fa che gli USA stanno organizzandosi per delle sepolture di massa, come ben riportato dal Blog 'La Scenza Marcia e la menzogna globale'. L'organizzazione di questo sterminio può avvenire soltanto per mezzo di una Pandemia provocata da Virus creati nei laboratori militari. 

Per come la pensiamo noi de 'La Gazzetta del Mistero', l'unica cosa che portano le Meduse è la noia di doverle scansare quando ci tuffiamo nel nostro sempre più infestato Tirreno. L'immortalità, noi, l'abbiamo già ed è nello sguardo dei nostri figli.



                                                                                                                                                                                         Simone Pagni

Fonte: Metro News

Nessun commento:

Posta un commento