mercoledì 5 dicembre 2012

Eta Carinae : Ipernova Minaccia La Terra

Nonostante questo sia un periodo fertile per sperare nelle profezie e temerle, noi della Gazzetta del Mistero vogliamo fare i veri e propri anticonformisti: non vi narriamo di antiche profezie ritrovate in angoli sperduti della giungla amazzonica ma vi informiamo di quello che seriamente minaccia la vita sul nostro pianeta.
Il fatto che siamo dei 'Gufi' (potete benissimo rinfacciarcelo) è mitigato dalla nostra proverbiale simpatia.

Eta Carinae è una mostruosa stella ipergigante blu distante 8000 anni luce dal Sole osservabile nell'emisfero australe. La sua massa è impressionante:  100-150 Masse Solari. Le sue radiazioni sono 1500000 più intense di quelle emesse dal nostro astro nonostante sia una stella in fasce. L'età stimata di Eta Carinae è 3 milioni di anni ma, pur essendo giovane, è già messa veramente male. La sua variabilità luminosa ed i suoi brillamenti improvvisi (simili a quelli delle nane rosse, per capirci) ci fanno capire che la massa impressionante della ipergigante fa si che il combustibile nucleare più 'a buon mercato', l'idrogeno, si stia esaurendo a velocità impressionante. Quando l'Idrogeno sarà prossimo all'esaurimento, incomincerà un veloce processo di fusione dell'elio e, successivamente, di tutti gli elementi più pesanti creando un evento supernova.... anzi, IPERNOVA.

Alcuni studiosi pensano che la stella sia già esplosa creando una Supernova classe Ic e che il flash radioattivo lo potremo osservare a breve (da qualche giorno a qualche anno). Appena vedremo il lampo, Eta Carinae apparirà più luminoso di Venere e sarà visibile anche di Giorno. Questo potrebbe essere un bello spettacolo... purtroppo lo gusteremo per poco.
Infatti, la nostra corpulente stella scaricherà addosso alla nostra magnetosfera e alla nostra atmosfera una quantità di radiazioni FATALI: corrispondente a circa un Kilotone di tritolo per km quadrato dell'emisfero terrestre colpito....
Come immaginerete, le radiazioni, che supereranno di 10 volte quelle sostenibili dalla vita, uccideranno qualsiasi cosa su questo mondo.

Cosa ci salva (per adesso)?

1) Non sappiamo di preciso datare la stella... quindi può darsi che esploda tra 100-1000-100000 di anni.
2) Abbiamo la speranza che le radiazioni emesse non siano quelle calcolate e che, quindi, il nostro campo magnetico possa deviarle. Ci sono molte ipotesi sull'evento supernova in questione e gli esperti hanno espresso diversi pareri sulla quantità di radiazioni che potrebbero raggiungerci.
3) L'asse di rotazione della stella non è rivolto nella nostra direzione.... Ma anche Eta Carinae, essendo un corpo rotante nello spazio, ha una sua precessione....

                                                                                                                                   Simone Pagni




Nessun commento:

Posta un commento