sabato 22 dicembre 2012

22 Dicembre 2012: Ce l'Abbiamo Fatta

Anche per quest'anno siamo scampati all'ennesima profezia. Non c'è stata nessuna invasione aliena e neppure un azzeramento della nostra gloriosa civiltà umana. Nessun inversione dei poli magnetici, nessun infausto meteorite e le uniche comete minacciose apparse recentemente sono quelle dei vari presepi apparsi nelle case italiane. Nessuna pandemia, nessuna peste, nessun cataclisma. Le zolle tettoniche stanno ancora al loro posto. I mega vulcani tacciono. Gli oceani sono calmi ed all'orizzonte nessuna onda anomala minaccia chi può permettersi vacanze esotiche. 

Tutto fila liscio. Tutto è come prima. Il Genere Umano è all'apice della sua grandezza e nessuna profezia può piegarlo o modificare l'andamento del suo progresso....

.... ed è questo che ci frega.... 

L'uomo ha paura. Ha paura della Fine dei Tempi come della morte naturale. Ognuno di noi ha timore di non esistere più. Ognuno di noi teme per la vita dei propri cari. Ognuno di noi sente che presto qualcosa di sconvolgente accadrà con effetti globali devastanti. Ecco perché siamo disposti a credere a tutto, a qualsiasi profezia. 
Sentiamo che la fine ci sfiora. Sentiamo la necessità di un evento drammatico. Sentiamo di essere prossimi ad un salto evolutivo che spazzerà via gran parte di noi. 
Il Genere Umano si è evoluto grazie a catastrofi, cataclismi e infezioni virulente pandemiche. E' per questo che l'uomo necessita di una 'fine dei tempi' che permetta ai propri figli di potersi evolvere per sopravvivere ancora su questo pianeta.

L'Uomo ha paura del cambiamento ma lo brama con tutta la sua forza genetica. 

Ma il 21 - 12 è ormai alle spalle. Non è accaduto niente.

La classe politica mondiale è corrotta come sempre. Una piccola parte di noi umani possiede la maggior parte della ricchezza e governa miliardi di individui avendone in pugno la vita. L'avidità di quei pochi sta distruggendo il nostro pianeta e con lui anche le speranze di evoluzione.

I nostri figli prospereranno nel mondo che lasceremo loro in eredità?

La risposta è no. Non è possibile che i nostri figli continuino a vivere come noi stiamo vivendo. Questo perché l'ecosistema terrestre tra 30 anni sarà compromesso. A quel punto le varie politiche ambientaliste non avranno più efficacia perché sarà innescato un meccanismo irreversibile. 

La Terra, attraverso milioni di anni, è riuscita nella biosfera a trattenere gran parte della CO2 formando immensi giacimenti che hanno permesso lo sviluppo della nostra civiltà per come la conosciamo. Negli ultimi 100 anni l'uomo ha trovato quei giacimenti nascosti dalla natura con tanta attenzione e li ha sfruttati. 
Lo squilibrio del ciclo del carbonio porterà l'uomo a vivere un periodo molto difficile che lo porterà alle soglie dell'estinzione. L'anidride carbonica, infatti, trattiene le radiazioni solari che si riflettono su suolo terrestre aumentando la temperatura media della biosfera. Questo provocherà un mutamento climatico drastico. Sono molte le teorie previsionali ma le più accreditate sono: 1) la fine dell'era glaciale, cioè il termine dell'attività dei ghiacci sul nostro pianeta con conseguente innalzamento oceanico e marino di centinaia di metri; 2) la variazione di salinità oceanica atlantica porterà all'interruzione della corrente del Golfo facendo piombare il mondo un Periodo Glaciale....
Come vedete, in entrambi i casi, ci saranno carestie e morti.L'umanità cadrà nel suo secondo bestiale neolitico.

Nessun genere animale sfrutta il territorio sul quale vive fino a renderlo inospitale per la propria progenie. In natura vengono rispettati degli equilibri che l'uomo ha trascurato assumendo un comportamento virale: l'uomo è un virus per la Terra.

Mentre un virus può uccidere un mammifero o un pesce... L'uomo-virus colonizza un ospite antico, sapiente e potentissimo.

La Nostra Terra ci osserva preoccupata. Fin tanto che la sua preoccupazione non muterà in irritazione possiamo stare tranquilli e continuare a tentare di ucciderla. Dopodiché, Gaia agirà contro di noi con naturalezza e la grandiosa e potente civiltà umana verrà sbalzata via come le zecche sulla schiena di un cane.
Allora, se qualcuno di noi rimarrà, potrà pensare che sarebbe stato meglio avessero avuto ragione i Maya.



Nessun commento:

Posta un commento