venerdì 21 settembre 2012

Rischio Malaria



Roma, 20 set. (TMNews) - In alcune zone dell'Alaska sono stati trovati degli uccelli malati di malaria. Secondo una ricerca pubblicata dalla rivista PLos ONE è un dato che compraverebbe come il riscaldamento globale del pianeta stia spingendo sempre più a nord tutta una serie di malattie tar cui appunto la malaria. La diffusione del mordo, dicono gli esperti, potrebbe rivelarsi devastanti per gli uccelli dell'artico che sinora non hanno mai incontrato la malattia e non hanno quindi difese immunitarie adeguatamente predisposte per resisterle. Attualmente la latitudine massima a cui si situa la malaria è di 64 gradi ma secondo la ricerca "con il riscaldamento globale questa è destinata a cambiare e risalire verso nord". TM News 


 Cos'è la Malaria?

La malaria è una malattia infettiva dovuta ad un protozoo, un microrganismo parassita del genere 
Plasmodium, che si trasmette all'uomo attraverso la puntura di zanzare del genere Anopheles. La 
malaria è presente in gran parte dell'Africa, nel sub-continente indiano, nel sud-est asiatico, in 
America latina e in parte dell'America centrale. Il 40% della popolazione mondiale vive in aree in 
cui la malaria è endemica (si definisce endemica una malattia che è sempre presente tra la 
popolazione di una certa area geografica, con un numero di casi sostanzialmente costante nel 
tempo). La malaria può presentarsi con sintomatologia variabile: nella maggior parte dei casi essa 
si presenta con febbre accompagnata da altri sintomi quali brividi, mal di testa, mal di schiena, 
sudorazione profusa, dolori muscolari, nausea, vomito, diarrea, tosse. La diagnosi di malaria 
dovrebbe essere presa in considerazione per tutti i soggetti che presentino tale sintomatologia e 
che abbiano soggiornato in Paesi in cui è presente la malaria. Le infezioni da Plasmodium 
falciparum (la specie di plasmodi responsabile della forma più grave di malaria, anche definita 
terzana maligna) non curate possono complicarsi con insufficienza renale, edema polmonare, 
coma e progredire fino al decesso. 


Cosa la Provoca?


La malaria è provocata, nell'uomo, da quattro tipi di Plasmodi: Plasmodium falciparum, 
responsabile della malaria maligna o terzana; Plasmodium vivax, responsabile della terzana 
benigna; Plasmodium malariae, responsabile di una forma di malaria definita "quartana" a causa 
della caratteristica periodicità con cui si presenta la febbre; Plasmodium ovale. Nelle zone 
endemiche non sono rare infezioni "miste", con contemporanea presenza di plasmodi di tipi 
diversi.

Come si trasmette?


I parassiti malarici vengono trasmessi all'uomo, che è l'unico serbatoio della malattia, attraverso la 
puntura di zanzare femmine che si nutrono di sangue per portare a maturazione le uova. I 
plasmodi compiono una parte del loro ciclo vitale all'interno dell'organismo umano (ciclo 
asessuato) ed una parte nell'organismo delle zanzare anofele (ciclo sessuato). Le zanzare 
Anopheles, vettori della malaria, pungono abitualmente nelle ore di oscurità (dal tramonto all'alba).







2 commenti:

  1. Femmine che si nutrono di sangue?
    Sicuramente non sarà un paradosso... succede anche agli umani ;D

    RispondiElimina
  2. ... si nutrissero solo di sangue...

    RispondiElimina