martedì 21 agosto 2012

Marte è Abitato

Curiosity, il rover che ormai da due settimane è atterrato sulla superficie del pianeta rosso, ha iniziato il suo lavoro mettendo in moto il suo complesso laboratorio. Microscopi, spettroscopi ed altre strumentazioni al suo interno analizzeranno le polveri e la roccia marziana. 
Lo scopo della missione? 
Personalmente, mi sembra strano che la NASA ed il governo americano buttino miliardi di dollari solo per trovare antichi fossili o microscopiche forme di vita. 
Fin dagli anni sessanta, con le missioni MARS e MARINER, l'umanità ha cercato di studiare il suolo marziano facendo uno sforzo economico abominevole. 
La direzione nella quale si dirigono le strategie esplorative ci suggeriscono che Marte continuerà ad essere esplorato da sonde automatizzate. Nel caso che una di queste missioni porti a scoperte geologico-minerarie notevoli, la tecnologia a nostra disposizione potrebbe consentirci di inviare sul pianeta trivelle automatiche auto-istallanti. Marte diverrebbe un'immensa Miniera cosparsa di macchine umane. Centinaia di carghi, anche questi privi di equipaggio, partirebbero dalla sua superficie per scaricare sulla terra gli estratti marziani.  
La ricerca di minerali, ormai rari sulla terra, è uno degli obbiettivi delle missioni. 
Alcuni scienziati pensano che un tempo Marte avesse foreste, vegetazione, mari... presumibilmente vita batterica. Questa possibilità è stata valutata da alcuni potenti della terra... valutata seriamente... perché, se le condizioni dell'antico Marte fossero state quelle descritte, oggi il sottosuolo marziano sarebbe colmo di combustibile fossile: petrolio.
Escludendo la possibilità che Alieni Marziani possano difendere il pianeta rosso, Marte è divenuto terra di conquista per quei governi che hanno fondi da investire nella ricerca. 
Il Programma Aurora, condiviso da ESA e NASA, prevede un esplorazione a stadi di Marte che porterà nel 2016 al lancio della Sonda esplorativa Exomars ed a una Missione senza equipaggio denominata Mars Sample Return, prevista per il 2020, che avrà come obbiettivo quello di prelevare rocce marziane e portarle sulla terra. Nel 2030 si dovrebbe organizzare una prima missione umana dal modico costo di 50 mld di Euro.

Marte, pianeta morto, privo di una magnetosfera, perse la vita milioni di anni fa. Oggi la sua superficie riprende brio grazie all'attività frenetica delle macchine umane. 
Marte è nuovamente abitato.  


Nessun commento:

Posta un commento