martedì 29 maggio 2012

Emilia: Terremoto Anomalo

A 6,3 Km di Profondità sotto Finale Emilia è accaduto qualcosa di imprevedibile che ha causato drammatici danni sulla superficie. Danni a strutture non costruite per resistere ad un terremoto di questa entità. Nonostante che un sisma di magnitudo 6,0 come quello avvenuto il 20 maggio 2012 non sia considerato un sisma estremamente distruttivo, in questi ultimi nove giorni i movimenti anomali sotterranei hanno cancellato anni di sacrifici, di lavoro e stroncato decine di vite umane. 
Edifici storici, alcuni risalenti a 900 anni fa, non hanno resistito. Questi monumenti sono sopravvissuti ai secoli indicandoci che la zona non è mai stata soggetta a movimenti tellurici così bruschi. L'ultimo sisma di cui si ha notizia che si possa paragonare a questo risale al diciassettesimo secolo. 
I capannoni industriali della zona non hanno saputo reggere mostrando la debolezza della loro struttura. Dopo il primo sciame sismico, la produzione industriale ed artigianale è stata riattivata sotto la pressione dei proprietari delle aziende e dei politici, anche a livello nazionale, trascurando completamente il rischio di nuove scosse tremende come purtroppo è avvenuto. Gli operai sono tornati a lavoro e sono morti ancora oggi 29 maggio 2012. I datori di lavoro dovrebbero garantire la sicurezza dei propri dipendenti entro le strutture lavorative... una sicurezza totale che comprende anche il Rischio Sismico. 
Nel 1908 a Reggio Calabria e Messina morirono 100.000 persone dopo un sisma di magnitudo 7,24. Da quell'epoca l'edilizia ha fatto passi avanti che permettono una ottima resistenza alla distruttività sismica. Alcune volte, come in questo caso, il progresso edile in questo campo non viene sfruttato perché si tende a sottovalutare il pericolo in determinate fasce di territorio. Forse la mappatura delle fasce di rischio del territorio andrebbe rivista.
Gli autori di questo blog sono vicini alle popolazioni colpite in quella terra emiliana dove vivono molti nostri amici e fratelli.  


Nessun commento:

Posta un commento