domenica 30 ottobre 2011

Novità Archeologiche sui Maya

Archeologi messicani hanno scoperto diversi nuovi siti maya così come una significativa concentrazione di necropoli precolombiane, nello stato dello Yucatan, secondo un comunicato dall'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia.
I resti che includono strutture, ceramiche,litici e sepolture umane sono stati trovati nella comunità rurale di Sitpach, cinque chilometri a est di Merida, capitale dello stato.
I reperti risalgono al
tardo periodo preclassico Maya (400 aC-200 dC) ed il loro ritrovamento ha portato ad un cambiamento nella cronologia locale per questa particolare regione.
I nuovi siti si trovavano in un'area che copre
circa 1.000 ettari e sono stati registrati per la posizione più vicina; Oxmul, Polok Ceh, Cuzam, Chan, Nichak, Tzakan e Chankiuik.
Secondo INAH, in questi siti sarebbe stata rilevata la presenza di resti di individui sepolti con vasi policromi e altri oggetti in ceramica mai osservati precedentemente in questo settore. L'Archeologo Luis Raul Dia, coordinatore del Progetto Archeologico Merida nella regione, ha detto che questi reperti forniscono la prova " della presenza di popolazioni ottimamente organizzate e con elaborati strati sociali, prima di quanto si supponesse''.
Il Signor Diaz ha detto che gli archeologi avevano trovato strutture architettoniche che rivelano un"intenso sviluppo sociale ed economico."Grazie al progetto Merida, i ricercatori hanno studiato più di 15 siti ubicati nella periferia della città, dove l'INAH finora ha registrato 29 siti con tracce archeologiche. Attualmente ci sono 170 siti registrati nel'intero comune di Merida. "Ha spiegato che la prima proposta di un programma di salvataggio archeologico che ha istituito la Regione Mérida è stato nel 2004 e questo ha portato in tre stagioni di indagini presso il sito di San Pedro Cholula. Come risultato di questo lavoro gli archeologi sono stati in grado di definire più zone dove ci dovrebbe essere un divieto sullo sviluppo. Il progetto ha anche consolidato diverse antiche strutture da integrare in una zona residenziale.Tutto il materiale recuperato dagli scavi rimarranno presso gli uffici di INAH nello Yucatan, dove sarà analizzato per capire meglio le persone, le tecnologie e le storie dietro a questi siti.

Fonte: INAH

Nessun commento:

Posta un commento