lunedì 8 agosto 2011

Invasione Aliena (Prima Parte)





Gaio Giulio Cesare conquistò la Gallia in 7 anni di guerre e stermini; Adolf Hitler conquistò la Polonia in un mese e 6 giorni; nella seconda guerra del golfo lo stato dell'Iraq governato da Saddam Hussein viene travolto in un mese e 10 giorni.
Quanto impiegherebbero ipotetiche forze aliene per conquistare la terra?
Molti pensano che se mai avvenisse un invasione aliena questa sarebbe devastante per il genere umano. I Poveri Umani sarebbero dei bersagli troppo facili per i raggi gamma delle Corazzate Aliene che presto dominerebbero i cieli di tutto il mondo.
Ma è poi così realistico?
L'essere umano, durante tutta la sua evoluzione, ha combattuto di continuo. Negli ultimi cento anni abbiamo scatenato le maggiori e più devastanti guerre della nostra storia. Con la guerra abbiamo potuto sviluppare tecnologie ed economie complesse. La Guerra e lo Sterminio sono nel nostro DNA ed oggi abbiamo armi terribilmente efficaci per dissetare la nostra sete di sangue.
Un ipotetico genere alieno che abbia la tecnologia e la coesione sociale per attuare una esplorazione di un pianeta lontano per scopi bellici probabilmente ha abbandonato l'istinto e l'arte della guerra. Pur avendo armamenti più sofisticati e potenti, la bestialità dell'alieno non potrà essere paragonabile alla nostra. Mentre le forze aliene combatterebbero con fine tattica, l'uomo combatterebbe con l'istinto.
Il tipo di Invasione portata da una civiltà extraterrestre è dipendente da quello che le gerarchie aliene vogliono dall'umanità o dal nostro pianeta. Quello che può muovere una simile civiltà non può essere la ricerca di Minerali o Acqua o qualcos'altro di fisico perché la galassia è piena di qualsiasi cosa occorra e sarebbe idiota andarla a cercare in un mondo già abitato, a meno che quello che interessi non sia il pianeta stesso. In questo caso, le forze aliene interessate al nostro pianeta non potranno usare armi che lo possano distruggere, quindi l'unico metodo per sterminare il nostro genere sarebbe uno sbarco di forze terrestri diminuendo ancora di più le probabilità di un loro successo.
L'Umano sguazza nella morte. Appena Nato l'umano inizia a morire. La morte è tutto intorno a noi ed abbiamo imparato a convivere con la sua idea. L'alieno, evoluto e con prospettive di vita lunghissime, teme la morte perché è un evento raro, non spiegabile per il suo cervello logico e nel combattimento questa differenza si noterebbe.

Le gerarchie aliene potrebbero volere qualcosa di impalpabile o di non comprensibile per noi umani. Potrebbero volere i nostri corpi o le nostre menti, le nostre emozioni o la nostra ''anima'' (nel caso l'avessimo). In questo caso, l'invasione sarebbe silenziosa e procederebbe per piccoli passi. Gli 'alieni prenderebbero possesso delle nostre menti senza farcene rendere conto. Le entità E.T. si rannicchierebbero all'interno della nostra mente e, silenti, modificherebbero la nostra vita impercettibilmente fino a che il genere umano fosse completamente assuefatto dalla loro presenza.
L'essere umano diviso, barbaro e corrotto è una bestia difficile da comprendere per un genere evoluto socialmente. Gli alieni ci metterebbero molto per capire che per conquistare la terra basterebbe pagare le persone giuste.

Fine Prima Parte

1 commento:

  1. come al solito, gli articoli che pubblichi, sono non solo encomiabili.. ma fanno ben pensare e riflettere.. Cosa vogliono? Perchè invaderebbero un pianeta che già di per sè sta andando a scatafascio?
    V'è il visibile e l'invisibile.. e non sempre l'visibile val più del resto.. :)
    Tutti tenderanno gli occhi al cielo cercando la "chimera" mentre son qui da prima ancora che noi comparissimo sul pianeta.. Grazie!

    RispondiElimina