sabato 18 giugno 2011

6 Giorni sulla Terra

Uscito il 17 giugno 2011, questo capolavoro cinematografico firmato Varo Venturi è destinato a cambiare la prospettiva dei prossimi film dedicati al tema ''Alieni''.
Da sempre l'approccio della trama di un film dedicato a questo tipo di argomentazioni si è basato su una visione materialistica dell'essere extraterrestre. Nella maggior parte dei casi il genere alieno che interagisce con la civiltà umana è schierato contro l'umanità compatta e pronta a respingere l'invasore. I motivi che hanno spinto fin'ora l'alieno del grande schermo ad attaccare la terra sono stati motivi di carattere militare di conquista planetaria.

6 Giorni Sulla Terra offre al pubblico una realtà sconvolgente che mostra quanto superiori siano le brame aliene e come l'umanità sia estremamente divisa.

L'alieno attacca l'uomo, non la terra, insinuandosi nella mente di alcuni individui dalle particolari capacità genetiche. I rapimenti e le violenze che questi infliggono agli addotti, vengono eseguiti grazie alla collusione di alcuni uomini di potere che agiscono clandestinamente tradendo il genere umano.

La storia si sviluppa intorno alle vicende di un coraggioso Dottore che studia da anni i casi di rapimento alieno tramite Ipnosi Regressiva, il quale riesce a scoprire inquietanti verità celate dalla polvere dei millenni e dal volere di pochi.

Le terminologie tecniche spesso usate ed il tema così particolare potrebbero confondere gli inesperti di Ufologia e Complottismo ma le variazioni di velocità del film lo fanno esser gradevole anche all'occhio più scettico o disinteressato.










L'atmosfera surreale, alle volte gotica, indotta dalla sceneggiatura e impreziosita da un'ottima fotografia alimenta la suspence e la partecipazione dello spettatore.

Ottimo lavoro.

Trailer Ufficiale:


Eccovi la lista dei cinema che proiettano il film in questi giorni:




Basato su rivoluzionarie teorie scientifiche che abbattono i confini dei nostri credo, il film lancia la denominazione per una nuova onda cinematografica: la “Realscienza”.



SINOSSI BREVE

Il dr. Piso, un coraggioso scienziato, studia da anni il fenomeno delle Alien Abductions (rapimenti alieni) attraverso l’ipnosi. Una sua paziente, la giovane aristocratica Saturnia, lo condurrà in una realtà ancor più sconvolgente nascosta per millenni dietro le quinte della storia.


SOGGETTO
Il dr. Davide Piso, coraggioso scienziato, studia da anni centinaia di casi di persone che ritengono di essere state rapite dagli alieni (alien abductions) scavando nel loro inconscio, attraverso una temeraria tecnica ipnotica, attraverso la quale è in grado di far rivivere ai suoi pazienti le loro drammatiche esperienze di rapimento, ma anche a comunicare con le personalità “aliene” nascoste nella loro mente

Mosso dal candido ideale di liberare l’umanita’, Davide decide di rendere pubblica la terribile conclusione a cui è giunto sfidando lo scetticismo del mondo scientifico ufficiale: alcune razze extraterrestri, da sempre, impiantano le proprie personalità nel cervello dei rapiti (addotti) considerandoli “contenitori” di una preziosa energia che solo gli esseri umani sembrano possedere: l’anima.

Nonostante le reazioni ufficiali alle sue dichiarazioni mettano subito a repentaglio la sua carriera di docente universitario, Davide decide di occuparsi anche del caso di Saturnia, una seducente diciottenne convinta di essere un’ addotta, che gli chiede aiuto attraverso un’ambigua seduzione rivelatoria di una doppia personalità.

Ma una volta messa sotto ipnosi, la ragazza non uscirà più dallo stato di trance, lasciando il posto ad una “entità” proveniente da antichissime dinastie, che afferma di possedere ormai completamente quel “contenitore”, dimostrazione dell’imminente “incarnazione” definitiva che la sua specie sta progettando da millenni.

Questo costringerà Davide assieme ad Elena e Leo, i suoi due fedeli assistenti, a trattenere e sedare la ragazza per guadagnare tempo nella speranza di trovare una soluzione atta a  liberare Saturnia dal suo ospite alieno. 
Ma i genitori della ragazza, una potente famiglia dell’aristocrazia nera, a sorpresa, considereranno questo un rapimento…

CARATTERISTICHE


6 GIORNI SULLA TERRA selezionato al 33° Festival Internazionale del Cinema di Mosca (33° Moscow International Film Festival) diretto da Nikita Mikhalkov,  si trova oggi ad essere uno dei film più attesi dagli appassionati del tema Rapimenti Alieni, grazie a uno spontaneo tamtam sulla rete, cominciato prima ancora che avvenissero le riprese.
Il film è stato girato in doppia lingua – italiano e inglese. Grazie a ciò, e alla sua tematica “senza confini”, prima ancora di uscire in Italia, 6 GIORNI SULLA TERRA ha già trovato negli USA la distribuzione internazionale.
Il progetto nasce dalla sinergia tra Varo Venturi e il dr. Corrado Malanga (Università di Pisa) uno dei massimi esperti mondiali della materia. In contemporanea con l’uscita del film, i due daranno una serie di conferenze, che spiegheranno il serio background scientifico che ha dato vita a 6 GIORNI SULLA TERRA.
I mitici Johnny Klimek & Reinhold Heil, famosi per  aver composto le musiche di tutti i film di Tom Tykwer (LOLA CORRE, PROFUMO, THE INTERNATIONAL, THREE (presentato all’ultima Mostra di Venezia) e attualmente all’opera per CLOUD ATLAS, con Tom Hanks, e KILLER ELITE, con Robert De Niro, sono gli autori della colonna sonora di 6 GIORNI SULLA TERRA.
Mauro Baldissera – Artista 3D in AVATAR di Cameron, DISTRICT 9, mentre lavorava sul prossimo film di Spielberg TIN TIN prodotto da Jackson – si è fatto avanti con Varo Venturi di cui aveva conosciuto il lavoro attraverso la rete. Baldissera, che seguiva da tempo gli studi di Corrado Malanga, ha accettato con entusiasmo di lavorare a un film che quando deve raffigurare personaggi extraterrestri, anziché’ utilizzare  effetti fantasiosi  e mirabolanti, propone la visualizzazione di nuova possibile realtà, quella che descrivono gli addotti sotto ipnosi.


NOTE DI REGIA
Le grandi produzioni cinematografiche hollywoodiane quando trattano materie come UFO, Alieni, esoterismo, magia, ecc., utilizzano solo gli elementi che consentono la massima spettacolarità, spesso in film “videogame” infarciti di mirabolanti effetti speciali, attraverso una narrazione “fiabesca”, a volte buonista, a volte catastrofica o terrorizzante, quasi sempre superficiale.
Di contro il mondo scientifico continua il suo incessante impegno nella ricerca di spiegazioni logiche e concrete a questi temi, prestando sempre più attenzione al fenomeno “Alien Abductions” (Rapimenti Alieni), un fenomeno che i media di tutto il mondo, internet in testa, stanno diffondendo sempre più in modo allarmante dopo la.

Alcuni scienziati, tra cui l'italiano Corrado Malanga, dopo aver elaborato per anni analisi e dati - basati sulle reali testimonianze di moltissime persone in tutto il mondo, di ogni età, sesso e ceto sociale, che sotto ipnosi hanno rivissuto l’indelebile esperienza del rapimento - sono giunti ad una sconcertante conclusione: alcune razze aliene, in un programma che dura da millenni, impiantano le proprie “memorie attive” nel cervello dei rapiti, usandoli come contenitori, per poter “operare” in questa dimensione, con l’obiettivo finale di modificare geneticamente l’umanità e adattarla al proprio DNA, onde sfruttarne completamente l’indistruttibile energia (Anima) e rendere così le proprie specie “immortali”.

Questa teoria sembra finalmente chiarire tutto: il problema non verrebbe solo, fisicamente, dal lontano spazio; semmai risiede nei confini della nostra mente, dove quelli che la mitologia chiama “Dei”, e le chiese “Angeli o Demoni” (o "Voladores" come descritti dallo sciamano Don Juan a Carlos Castaneda) forse sono esseri di altre dimensioni, che possono sopravvivere al di qua (e al di là dello spazio e forse del tempo) “possedendo” la psiche umana, addormentandone la coscienza per poter “vampirizzare” quell’energia (l'Anima?) che solo l’uomo sembrerebbe possedere in questa parte di universo.

Così magicamente si spiegano secoli e secoli di immagini dipinte o scolpite, che rappresentano personaggi umani che dialogano, combattono, adorano, temono entità di diverse fattezze, cornuti rettiloidi alati e non, biondi angeli protettivi, in candide vesti bianche, o armati e severi, santi sospesi nel cielo, draghi, dei antropomorfi e non, piccoli uomini verdi, fate, ecc. Come dimostrano chiaramente le iconografie egizie, sumere, maja, babilonesi, greco romane, indiane, cinesi, ma anche nella più recente arte sacra cristiana, ebraica, musulmana, ecc., fino ai cartoon, ai comics, ai videogames dei giorni nostri.

Ma inevitabilmente il concetto di "identità" viene messo seriamente in discussione, in nome di una visione dell'uomo in termini "progettuali"; uomo (o essere umano) contenitore di Anima (sì, proprio quella che salirà in cielo, si salverà, o si perderà, si dannerà,  verrà venduta, ecc) ma anche possibile ambito contenitore di personalità aliene, o altre personalità, giustificando tecnologicamente molti dei misteri legati all'esoterismo e alla spiritualità - reincarnazione,  visioni, apparizioni di entità religiose e non, spiriti guida, miracoli, profezie, scritture sacre, ecc. - così come le misteriose anomalie della nostra mente: dejà vu, schizofrenia, disturbi della personalità, ecc.

Ecco l’idea che mi ha dato la forza di realizzare in Italia, con mezzi indipendenti, un film che propone la denominazione Realscienza per una nuova onda cinematografica, con il desiderio di contribuire ad una percezione più elevata della nostra realtà, al di fuori delle retoriche, e all’ormai inarrestabile processo di “risveglio della coscienza” che oggi sembra accomunare ogni cittadino del mondo
Attraverso quelli che considero gli eroi nascenti del cinema contemporaneo, gli scienziati,  personaggi in grado  di affrontare “neo-realisticamente” scenari finora chiusi nel buio delle nostre paure collettive e nei meandri della storia della nostra civiltà e dei suoi Miti.

Suggerendo, tra le righe della sua struttura narrativa, una nuova visione della storia di questa umanità, e del perché i poteri occulti oggi, e da sempre, si combattono per il controllo di essa.


BIOGRAFIE

VARO VENTURI
(Regista, sceneggiatore, produttore, attore, montatore, compositore)

Nato a Roma da padre pittore e scultore e madre pianista classica, Varo Venturi si dimostra subito interessato alle arti figurative, alla musica, alla comunicazione. Durante gli studi universitari (ramo etno/antropologico e storia del cinema) comincia a lavorare come fotografo per i principali settimanali.
Interessato al teatro e alla poesia contemporanea, inizia una collaborazione con il “Living Theatre” di Julian Beck, anche in veste di musicista e attore, fino alla messa in scena della performance teatrale “Prometeo”. Con alcuni di loro realizza un film sperimentale in super8 e frequenta i protagonisti della “beat generation” tra cui Corso, Ginsberg, Borroughs, realizzando un diario fotografico della nuova poesia americana.

Come musicista realizza musiche per lavori di teatro contemporaneo (tra cui la “Medea” di Enrico Job) e performances di pittura. Scrive per la cantante Nada, l’album “Smalto” e il brano “Amore disperato”, che diviene subito un successo, e poi un “evergreen” della musica leggera italiana, con moltissime cover in Italia e in Europa, oltre a divenire uno dei brani più utilizzati come pezzo guida per le colonne sonore del recente cinema italiano. Negli anni successivi, come artista, compositore e/o produttore, crea i gruppi Richter, Venturi & Murru, con i quali partecipa al Festival di Sanremo con grande successo di critica, i Mondorhama, i Guernica, in collaborazione con Vasco Rossi, e i “Blossom Child” per i quali scrive e produce il brano “I Pray”, successo europeo e disco d’oro in Francia, dove ancora oggi è oggetto di culto in ogni revival anni ‘80.

Dopo essersi cimentato come “video maker” realizzando alcuni apprezzati videoclip, nel ‘97 dà ufficialmente inizio alla sua attività di autore e film-maker, da sempre in cantiere. Nello stesso anno dirige e produce il cortometraggio “Cosmos Hotel” - realizzato in supporto dvcam – Sacher d’oro al Sacher Festival 1997 e ospite di festival come Locarno e Torino.
Il lavoro, segnalato anche come uno dei migliori cortometraggi dell’anno, fonde con stile personale tutte le influenze cinematografiche più profonde dell’autore con il nuovo “cinema digitale”, di cui V.V. può essere sicuramente considerato tra i pionieri in Italia.
Successivamente, dopo aver partecipato come attore e compositore al film di Franco Bernini, “Sotto la luna”, realizza sempre in digitale il cortometraggio “Don Giovanni” e partecipa come attore al film di Peter del Monte “Controvento” accanto a Valeria Golino. Parallelamente co-scrive con la sua collaboratrice Luisa Maria Fusconi (ex allieva della “Holden” di Baricco) la sceneggiatura del film “L’italiano” (di Ennio De Dominicis) in cui è anche uno degli attori principali.
Nel 2003 inizia l’avventura di “Nazareno” - primo lungometraggio prodotto e distribuito dalla sua neonata Deusfilm, in totale indipendenza, senza l’intervento del MIBAC - dove V.V. dirige un nutrito cast di attori non professionisti presi dalla strada e dalla vita.
Distribuito nel 2007 il film ottiene 25.000 presenze in sala, ed oltre ad eccellenti feedback critici e vari premi, vince a Parigi lo Special Jury Award al Festival Europeo del Cinema Indipendente (ÉCU 2008).

Oltre all’imminente 6 GIORNI SULLA TERRA (selezionato al 33° Festival Internazionale del Cinema di Mosca), tra i prossimi progetti V.V. sta sviluppando una co-produzione internazionale per un film ambientato nel XV sec., dove tra i personaggi principali verrà trattata la figura di Papa Pio II (Enea Piccolomini) illustre antenato di famiglia.




Filmografia:

2011 - 6 GIORNI SULLA TERRA (6 Days on Earth) -  (regista, sceneggiatore, attore, montaggio, produzione.)
          33° Moscow International Film Festival 2011
2007 - NAZARENO – lungometraggio (regista, sceneggiatore, attore, dir. fotografia, montaggio)
          Special Jury Award at the European Indipendent Film Festival  (ÉCU 2008 di Parigi)
2002 - L’ITALIANO – lungometraggio di E. De Dominicis (sceneggiatore, attore)
2000 CONTROVENTO – lungometraggio di Peter Del Monte (attore)
1999 SOTTO LA LUNA – lungometraggio di Franco Bernini (attore, compositore)
1998 DON GIOVANNI – cortometraggio (regista, sceneggiatore, attore, dir. fotografia, montaggio)
1997 COSMOS HOTEL - cortometraggio (regista, sceneggiatore, attore, dir. fotografia, colonna sonora)
         Sacher d’oro al Sacher Festival 1997


LUISA MARIA FUSCONI
(produttrice – sceneggiatrice – art director  –  attrice)

Mentre studia Medicina, si diploma come pianista e compositrice (conservatorio decimo anno) alla Cattedra di Composizione e Direzione d’orchestra, studiando con il maestro Andrea Zanoni.
Compone brani di musica contemporanea, dei quali scrive anche le liriche.

Attratta da sempre dalle arti letterarie, nel 1994 da Ravenna, la sua città natale, si trasferisce a Torino per il Master della scuola Holden di Alessandro Baricco. Qui studia tecnica della narrazione e narrazione con Baricco e varie altre discipline attinenti alle tecniche della narrazione.

Nel 1996 scrive i testi e le musiche di “L’opera della fenice”, opera lirica contemporanea in collaborazione con il compositore Roberto Marino.
Contemporaneamente lavora con lo sceneggiatore/regista Franco Bernini, collaborando al film Tv: “Il caso Braibanti”, al film “Le mani forti”, “Semaine de la Critique” del Festival di Cannes 1997 e successivamente al film “Sotto la luna”.

Dopo aver realizzato la regia teatrale di “Lettere d’amore” di Gourney, nel 2000 inizia una stretta collaborazione con il regista e sceneggiatore Varo Venturi, affrontando nuovi progetti , tra cui la sceneggiatura del film “L’italiano” di Ennio de Dominicis.
Dal 2003 comincia l’avventura di “Nazareno”, primo lungometraggio del regista Varo Venturi, e con lui scrive e produce il film, oltre che distribuirlo con la loro neonata Deusfilm, società di produzione che dell’indipendenza ed dell’internazionalità fa i suoi vessilli.

CORRADO MALANGA
(consulente scientifico)

Corrado Malanga nasce a La Spezia nel 1951. Dal 1983 è ricercatore presso la cattedra di Chimica organica del Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale nella Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Pisa, e autore di diverse pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali.
La tesi centrale di Malanga è che esistono molte più persone che sono state rapite (“addotte”) dagli alieni di quanto comunemente si creda. La maggioranza di queste persone non ricorda il rapimento, pur portandone talora tracce fisiche sotto forma di cicatrici che rimandano a operazioni e impianti chirurgici praticati dagli alieni, e recupera questa memoria solo attraverso l'uso di strumenti come l'ipnosi regressiva e la programmazione neuro-linguistica, utilizzate dal dott. Malanga con una metodologia particolare che permette di distinguere le vere dalle false memorie di abduzione.

Corrado Malanga è autore di un libro: “Alieni o Demoni”, che riassume i risultati della ricerca sulle Abductions già pubblicati in rete e liberamente scaricabili dal suo sito UFOMachine. I documenti più importanti per comprendere la storia e i risultati di questa ricerca sono i seguenti:


Da qualche anno è disponibile un Test di Autovalutazione per verificare il proprio coinvolgimento nel fenomeno ed eventualmente porvi fine.
Molto materiale proveniente dalle sue conferenze è reperibile in rete nel canale ArchivioMalanga a lui dedicato. E' possibile ascoltare anche i suoi interventi nella webradio UFOCast che fa riferimento al sito UFOMachine.

MAURO BALDISSERA
(3D modeling artist)

Cinema
Tin Tin (2011) regia di Steven Spielberg – prodotto da Spielberg e Peter Jackson - in post produzione
Avatar (2009) regia di James Cameron
District 9 (2009) regia di Neill Blomkamp – prodotto da Peter Jackson
Dear Anne, The Movie (2007)

Cartoon
Gormiti
Robotica

JOHNNY KLIMEK & REINHOLD HEIL
(Compositori)

Cinema
The Killer Élite (2011) regia di Gary McKendry, con Robert De Niro, Clive Owen - in uscita
Clouds Atlas (2011) di Tom Tykwer e Larry & Andy Watchowsly, con Tom Hanks, Natalie Portman, Halle Barry - in                produzione
Three (2010) regia di Tom Tykwer (concorso 67a  Mostra di Venezia
Tomorrow, When The War Began (2010) regia di Stuart Beattie
The International (2009) regia di Tom Tykwer, con Clive Owen e Naomi Watts
Blood and Chocolate – La Caccia al Licantropo è aperta (2007) di Katja von Garnier
Profumo – Storia di un assassino (2006) regia di Tom Tykwer
Paris, Je T’aime (2006) regia di Olivier Assayas, Ethan e Joel Coen, Tom Tykwer, etc., con Natalie Portman, Juliette Binoche, Gérard Depardieu, Elijah Wood…
Deadwood (2004-2006) serie HBO create da David Milch
Sophie Scholl, the Final Days (2005) by Marc Rothemund
Land of the Dead (2005) regia di George Romero, con John Leguizamo, Dennis
Hopper, Asia Argento
The Matrix Revolutions (2003) (song: "Hell Club") regia di Larry & Andy Watchowsky, con Keanu Reeves, Monica Bellucci, Lawrence Fishburne
Senza traccia (2002/2009) regia di Hank Steinberg con Anthony LaPaglia
One Hour Photo (2002) regia di Mark Romanek, con Robin Williams
Lola corre (1998) regia di Tom Tykwer, con Franka Potente



MASSIMO POGGIO
(Attore)
Nato il 09 Aprile 1970 ad Alessandria

Cinema
2010 – Nel bianco, regia di Peter Klegevich (co-prod Ita/Germania)
2009 - Il compleanno, regia di Marco Filiberti
2007 - All'amore assente, regia di Andrea Adriatico
2005 - Cuore sacro, regia di Ferzan Ozpetek
2004 - Il monastero, regia di Antonio Bonfacio
2004 - Vicino al fiume, regia di Carlo Marcucci
2003 - La finestra di fronte, regia di Ferzan Ozpetek
2003 - Il quaderno della spesa, regia di Tonino Cervi
2001 - Alex l'ariete, regia di Damiano Damiani
2000 - Due come noi, non dei migliori, regia di Stefano Grossi
2000 - Rosa e Cornelia, regia di Giorgio Treves

Teatro
2008 - I Cecchini - Mise en space
1999 - Otello - Regia di Ola Cavagna
1999 - Ricorda con Rabbia - Regia di Walter Lemoli
1998 - I Fratelli Karamazov - Regia di Luca Ronconi
1997 - Davila Roa - Regia di Luca Ronconi
1997 - Ruy Blas - Regia di Luca Ronconi
1996 - Quer Pasticciaccio Brutto de Via Merulana - Regia di Luca Ronconi
1995 - Re Lear - Regia di Luca Ronconi
1994 - I Ciechi - Regia di Marco Avogadro
1993 - Venezia Salva - Regia di Luca Ronconi
1993-  Alcassino e Nicoletta - Regia di Marco Avogrado

LAURA GLAVAN
(Attrice)  Nata nel 1990 a Constanza (Romania)
Cinema
2010 - Piazza giochi, regia di M. Costa
2008 - The Darkside of Triora - Regia di Gerard Diefenthal
Televisione
2010 – La narcotici, regia di Michele Soavi
2007 - Questa è la mia terra 2  regia di Raffaele Mertes
2008 - Anna e i cinque - regia di Monica Vullo
2008 - Provaci ancora Prof. 3 - regia di Rossella Izzo
Cortometraggi
2007 - Lo stato di natura , regia di Marco Mangiarotti


LUDOVICO FREMONT
(Attore)
Nato il 26 settembre 1982 a Roma
Cinema
2009/2010 – The Sinking of Laconia, di U. Jamson
2008 - Natale a Rio, regia Neri Parenti
2007 – Gli ultimi della classe, regia di Luca Biglione
2007 - Scrivilo sui muri, regia Giancarlo Scarchilli
2006 - Noi due, regia di E.Papetti
Teatro
2007 – Imperatori alla sbarra “Il processo a Cesare e Nerone” regia di G. Ferrara
2006 – Processo a Nerone regia di G. Ferrara
2004 – La Centaura regia di L. Ronconi
2003 – L’istruttoria (di Peter Weiss) regia di P. Passalacqua
2002 – No al fascismo regia di M. Ferrero

MARINA KAZANKOVA
(Attrice)  Nata il 4 Agosto 1981
Cinema/Televisione

Margoscia regia di S. Arlanov
Ci siamo incontrati stranamente regia di E. Emelin
La favola del mare regia di O. Bowok
I Re del gioco regia di V. Kott, I. Burdulli
Riz, Il Cinese regia di A. Razumovskij
La padrona del Taiga regia di B. Kazakov
Il biglietto regia di G. Gobbi
Il mare da favola regia di L. Sergiani
Guardia costiera regia di E. Serov
Molto russo detective regia di K. Papakul
Carabinieri regia di Raffaele Mertes
Veterinario regia di J.M. Sanchez
48 ore regia di E. Puglielli
Capri regia di E. Oldoini, F. Marra
Dari Volhov regia di Ivan Pomorin
Opiat nado git regia di Vasilii Panin
I Detective regia di A. Uscov
Povera Anastasia regia di A. Plotkina
Mustang regia di S. Veksler
L’ultima pallottola regia di M. Soavi
Commesse 2 regia di J.M. Sanchez
Le ragazze di piazza di Spagna regia di J.M. Sanchez
Iadi regia di Karen Shahnozarov
Lo zio d’America regia di R. Izzo
La repubblica di San Gennaro regia di M. Costa

Teatro
La notte e tenera regia di S. Prokhanov
Volpone regia di Glauco Mauri
Korrida regia di S. Prokhanov
Medea regia di M. Pereleshina
Il Maestro e Margherita regia di A. Kappo
Sprivetom Don Chisciotte regia di Josef Raihelgaus
I pazzi di Venezia regia di Vladimer Bersin
Il paradiso delle albicocche regia di Tamara Degtarova
Il compleanno di Eric regia di Viktor Shamirov
Lubof Karlovni regia di Fomenco
Zapiski Russcovo Puteshestvennica regia di Josef Raihelgaus


PIER GIORGIO BELLOCCHIO
(Attore)

Cinema
Sorelle Mai (2010) regia di Marco Bellocchio
Pecora Nera (2010), regia di Ascanio Celestini
Vincere (2009) regia di Marco Bellocchio
Sorelle (2006) regia di Marco Bellocchio
Melissa P. (2005) regia di Luca Guadagnino
Buongiorno, notte (2003) regia di Marco Bellocchio
Radio West (2003) regia di Alessandro Valori
La balia (1999) regia di Marco Bellocchio
Elena (1997) di Marco Bellocchio
Salto nel vuoto (1980) regia di Marco Bellocchio
Vacanze in Val Trebbia (1980) di Marco Bellocchio
Cortometraggi
My kind of woman (2002) regia di E. Scaringi
Appunti per un film su ‘Zio Vanja (2002) regia di Marco Bellocchio

6 commenti:

  1. Visto ieri sera in anteprima grazie al sito MYmovies.
    Ottimo montaggio e fotografia!
    La trama contiene moltissime argomentazioni sul fenomeno abductions.
    Da vedere assolutamente!

    RispondiElimina
  2. sono d'accordo! e' un film epocale, sembra impossibile che sia stato fatto in Italia!!! mandiamo tutti gli amici a vederlo!!!! il sistema fara' in modo che un film come questo non rimanga a lungo nelle sale!!!
    Bellissima e la recensione di Simone Pagni,segnalo anche:

    http://www.nocturno.it/news.aspx?id=6-giorni-sulla-terra-il-riscatto-dell-italia&AspxAutoDetectCookieSupport=1

    RispondiElimina
  3. Se questo film avesse il successo che merita potrebbe cambiare il modo di percepire questa realta' illusoria .. sono d'accordo anche con Massimiliano, mandiamo tutti al cinema!! e' l'unico modo i per far conoscere questo capolavoro!

    RispondiElimina
  4. VIsto ieri con un amico in quel di Pradamano (Udine), eravamo 5 persone in sala... Che dire? Mille cose spuntano alla mente, dubbi, domande, ecc... Ma una cosa è certa, ed è quella di fare i miei netti complimenti al regista Varo Clementini-Venturi, a Corrado Malanga, la bellissima Laura Glavan, al Dott. Piso, allo stesso Varo e allo staff di tutte le persone che hanno lavorato a questo film che se sarebbe uscito dalle "ali" holliwoodiane sarebbe pluripremiato... ma purtroppo la pubblicità qui in Friuli V. G. era totalmente assente. Neppure al cinema c'era una misera locandina appiccicata se non all'entrata della sala della proiezione... se poi penso che ho avuto notizia dell'uscita del film appena giovedì mattina........ Grandi e come sempre... Coscienza! 6,66 - 6,66 :-P

    RispondiElimina
  5. Io l'ho visto il film e a me non è sembrata una pagliacciata... per me meritava più pubblicità.

    RispondiElimina
  6. Ottimo film, ripeto come nel mio commento, meritava più pubblicità e merita di avere successo. Sicuramente cambierà il modo di fare film sul ''problema alieni''. Non so se questa pellicola servirà allo scopo di riflettere la gravità dell'interferenza aliena e di far capire alla massa che il fenomeno è un pericolo ed un dramma per molti ed, in futuro, per tutti. Artisticamente parlando, questo è un capolavoro.

    RispondiElimina