mercoledì 4 maggio 2011

I Misteri Visti Dal Cicap: Intervista a Zunino - Parte 1 - Presentazione

Essendo alcune domande rivolte espressamente al C.I.C.A.P. e non potendo io rispondere a nome del Comitato senza previa autorizzazione(come da statuto)ho rivolto le domande direttamente ai nostri consulenti, e consultando i nostri archivi, in questo modo ho aggirato tutta la parte burocratica che mi avrebbe solo fatto perdere tempo, senza neanche essere certo dell’autorizzazione, non essendo un socio fondatore. Qualora non debba riuscire a trovare qualche informazione da CICAP scriverò tra parentesi, che è un’opinione personale. Inoltre vorrei precisare che a volte troverete qualche battuta ironica se non cattiva. Questo però, non per offendere chi la pensa diversamente da me(non mi passa nemmeno per l’anticamera del cervello!), ma anzi per poter creare un dialogo costruttivo tra persone che hanno opinioni diverse. Ritengo che questo aiuti tutti a crescere di più, senza dover per forza cambiare le proprie convinzioni.

1) Cosa rappresenta per lei il C.I.C.A.P. ?

Mi sembra che Lei stia chiedendo all’oste com’è il suo vino!
Bene, cercherò di essere il più oggettivo possibile, eliminando qualsiasi faziosità. Essendo il C.I.C.A.P. l’unico Comitato “scientifico” in Italia che cerca di dare delle risposte a tutti quei fenomeni cosiddetti paranormali utilizzando solo il metodo scientifico e non avendo nessun convincimento su qualche cosa lo considero un comitato attendibile! Se fossi stato a conoscenza di altri comitati similari avrei chiaramente fatto un’indagine ed alla fine avrei fatto una scelta.
Non voglio dilungarmi troppo sulla prima domanda, ma la ritengo molto importante,quindi aggiungo anche che è un comitato a cui non interessa la politica la fede( infatti al N.S. interno vi sono persone di fedi diverse, atei, agnostici….) noi interveniamo sulla fede solo quando si verificano casi di miracoli, quali le madonne che piangono i budda che bevono latte, il sangue di S.Gennaro (tra l’altro mai riconosciuto come tale dalla chiesa,( ma che comunque è un ottimo business per loro!) Noi abbiamo fatto varie volte richiesta di prelevare due gocce da poterle analizzare, ma non ci è mai stato concesso! Il prof. Garlaschelli,chimico ha creato una sostanza “tissotropica”  identica all’ampolla di S. Gennaro,stesso colore stesse modalità di liquefazione e riassorbimento( se volete vi posso dare anche le informazioni per poterla creare voi stessi,basta una minima conoscenza di chimica) e la Sacra Sindone che è risultata risalente intorno al 1314 con l’esame del radio-carbonio. Sempre Garlaschelli ha creato una tela identica utilizzando solo prodotti che esistevano già all’epoca! Ma tutto questo senza mai soffermarci sulla FEDE che in quanto tale è un dogma e quindi non può essere studiato. Ognuno, per noi può credere a tutto ciò che desidera!
Vorrei inoltre far notare che non siamo sovvenzionati da nessuno anche i patrocini che ci sono dati noi li richiediamo in modo gratuito o morali, quindi niente soldi!
Viviamo grazie all’iscrizione dei nuovi soci, alla vendita dei nostri libri ed alle quote dei convegni nazionali,tutte le conferenze e le collaborazioni con le scuole(abbiamo all’interno una persona che si occupa esclusivamente delle scuole) sono gratuite!
Mi sembra quindi di aver spiegato abbastanza oggettivamente e senza faziosità cosa penso del CICAP. A tal riguardo visto che presumo che tra i Vs. lettori ci sia anche qualcuno che abita o viva in delle zone limitrofe alla valle D’Aosta vorrei far sapere e qui getto un po’ d’acqua al mio mulino che il 7 maggio presso la Cittadella dei giovani di Aosta terremo una conferenza intitolata “Indagare i misteri per capire la scienza, mentre a dicembre per richiesta della Cittadella terremo una conferenza (la data è ancora da definire) sul l’ormai fatidico ”2012”. E’ inoltre in programma con l’osservatorio astrologico di Aosta una conferenza intitolata “Astronomia-astrologia un confronto” dove interverranno, un astronomo, un nostro relatore che si occupa di questa tematica ed un astrologo(tendiamo a non fare come i media……) vero! Uno che veramente crede in questa pseudoscienza e non si diletta a fare le carte a pagamento, ma uno studioso. Se ce la faremo organizzeremo anche per venerdì 17 giugno la giornata antisuperstizione,sarà una giornata ludica con chiaramente una piccola relazione di un nostro membro. Chi vorrà contattarmi (non ho nulla da nascondere) può scrivermi a mrzunino55@gmail.com sarò lieto di rispondere a tutti. Concludendo questa lunghissima prima domanda ma torno a ripetere molto importante, consiglierei a chi non lo conoscesse di visitare il sito www.cicap.org


2) Qual è il suo ruolo all’interno del C.I.C.A.P. ?

In questo momento, oltre ad essere socio animatore, sono anche l’antenna della valle d’Aosta, sto creando un gruppo locale del quale sarò poi responsabile. Calcolando che la valle è piccola ho già in mente di fare un gemellaggio con il gruppo Piemonte di cui la responsabile è Marta Annunziata che è responsabile del gruppo Piemonte e di tutti i gruppi italiani( quindi,il mio capo!) Inoltre ho svolto il dottorato di ricerca in ambito biomedico presso l’Università di Torino, dove continuero' l'attività di ricerca.
Parallelamente ho seguito un corso di specializzazione in Comunicazione della scienza e mi occupo da alcuni anni di divulgazione scientifica. Interessandomi anche di bioetica sono socio effettivo del CICAP.
Perché un gemellaggio? Perché come tutti i gruppi esistono soci passivi,cioè interessati al comitato,alle conferenze ma che non hanno alcun interesse ad attivarsi nelle ricerche,negli esperimenti etc. Faccia conto che in Piemonte gli iscritti sono circa 400 ma quelli attivi sono solo una trentina! Quindi l’unione fa la forza.

Nessun commento:

Posta un commento