giovedì 9 dicembre 2010

Nephilim...Chi Erano Veramente?

Il Termine “Nephilim” è presente nell’antico testamento, in antichi testi giudaici e cristiani e si riferisce ad un popolo creato dall'unione tra i figli di Dio e le figlie degli uomini, molto spesso sono stati accostati a giganti o angeli caduti dal cielo. 



Nella Genesi si legge
"1 Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla terra e nacquero loro figlie, 2 i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli quante ne vollero. 3 Allora il Signore disse: «Il mio spirito non resterà sempre nell'uomo, perché egli è carne e la sua vita sarà di centoventi anni». 4 C'erano sulla terra i Giganti (Nephilim) a quei tempi - e anche dopo - quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell'antichità, uomini famosi. 5 Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male. 6 E il Signore si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo. 7 Il Signore disse: «Sterminerò dalla terra l'uomo che ho creato: con l'uomo anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo, perché sono pentito d'averli fatti». 8 Ma Noè trovò grazia agli occhi del Signore. "

Il libro di Enoch racconta che gli Angeli caduti rivelarono all'uomo i segreti proibiti del cielo. Azazel "insegnò agli uomini a fare spade, coltelli, scudi e corazze e fece conoscere all'uomo l'arte di lavorare i metalli". Altri Vigilanti sono accusati di aver addestrato i mortali in campi scientifici, quali l'astronomia e la geografia, l'arte di abbellire il corpo, addirittura insegnarono all'uomo come "abortire". Penemu, infine, istruì l'uomo sull'uso di "inchiostro e carta". Dunque, più che una razza proveniente dal cielo, gli Annunaki (così erano conosciuti tra i Sumeri) sembrano essere una civiltà evoluta che esporta la sua conoscenza verso popoli meno evoluti, civilizzandoli e creando quindi un rapporto di subordinazione tra i due popoli.

La teoria prevalente per stabilire un legame tra la scienza e i testi religiosi è quella che sostiene che i Nephilim fossero neandertaliani sopravvissuti , o forse un ibrido tra Homo sapiens e uomo di Neanderthal.

Zecharia Sitchin ha scritto molti libri sull’argomento, sostenendo che i Nephilim siano i nostri antenati e che noi siamo stati creati da una razza aliena. Nei voluminosi libri di Sitchin si impiega l'etimologia della lingua semitica e traduzione delle tavolette in scritta cuneiforme dei Sumeri per identificare gli antichi dei mesopotamici con gli angeli caduti (i "figli di Elohim" della Genesi). Osservando che tutti gli angeli vennero creati prima della Terra, lui constata che non possono essere terrestri... e dunque, potrebbero tutti essere considerati semanticamente come dei puri "extraterrestri".



Altri teorie suggeriscono che i "figli di Dio"  in realtà fossero personaggi storici del passato, completamente umani, divinizzati dalla tradizione orale. I "figli di Dio" sono quindi individuati come i discendenti di Set, mentre i "figli degli uomini" come i discendenti di Caino. A conforto di questa ipotesi si richiama il fatto che lo scopo del diluvio universale inviato da Dio era quello di spazzare via dalla Terra quei nefilim che si erano resi orgogliosi ai tempi di Noè.

Ma chi erano veramente? Il Mistero resta..

Nessun commento:

Posta un commento